Riabilitiamo

Riabilitiamo
Fisioterapia e Personal Training

Home | | Team | Contatti

La Terapia Manuale Ortopedica (OMT)


omt L’OMT è una specializzazione della fisioterapia per il trattamento delle patologie neuro-muscoloscheletriche ed è basata sul ragionamento clinico. Utilizza approcci di trattamento altamente specifici, che includono le tecniche manuali e gli esercizi terapeutici. La terapia comprende l’esame quale necessaria premessa ad ogni trattamento sulla base del quale viene formulata la strategia terapeutica. I criteri d’esame rilevati manualmente, anche se non sempre quantificabili scientificamente, conducono però ad un trattamento finalizzato, che fornisce al paziente spesso qualcosa di più del solo movimento.


Manipolazione della fascia


fascia La fascia è una membrana che si stende su tutto il corpo immediatamente sotto la pelle e svolge la funzione di percezione e coordinazione muscolare. Si diffonde all’interno del muscolo con il perimisio e con l’endomisio e, grazie a tali collegamenti, coordina l’attività contrattile dei muscoli, generando il gesto motorio. Diversi sono gli approcci terapeutici e hanno l’obiettivo di riequilibrare la tensione fisiologica propria del sistema fasciale. La manovra manipolativa ripristina il corretto scorrimento fra i diversi piani fasciali, normalizzando così la funzionalità muscolare ed articolare, garantendo la scomparsa del sintomo doloroso.


Riabilitazione post-chirurgica


Ogni anno vengono eseguiti numerosi interventi ortopedici a carico di articolazioni, muscoli e legamenti. Il ruolo del fisioterapista nella fase successiva all'intervento chirurgico è di estrema importanza, affinché il paziente possa riacquistare la completa funzionalità del distretto trattato e ritornare a condurre una vita normale nel più breve tempo possibile. I trattamenti di riabilitazione post-operatoria sono particolarmente indicati, inoltre, per recuperare la mobilità del segmento interessato da chirurgia artroscopia o protesica. Le patologie che richiedono trattamenti di riabilitazione post-operatoria riguardano prevalentemente spalla, ginocchio, anca, colonna vertebrale, mano, polso, piede e caviglia.


Manipolazione Vertebrale


vertebrale La manipolazione è una mobilizzazione passiva, dall’ampiezza molto limitata, che comporta un breve impulso forzato alla fine del movimento. Ogni manovra è sempre preceduta da un’ attenta valutazione che ha lo scopo di individuare la presenza di disfunzioni o qualunque altro elemento significativo che riconduca alla causa del disturbo del paziente. Tale metodica è un eccellente trattamento per numerose affezioni. Il risultato, spesso immediato, costituisce la prova dell’origine vertebrale di numerosi dolori, apparentemente non riconducibili a patologie del rachide.


Fisioterapia nell'anziano


Il 30% degli anziani presenta limitazioni motorie, dovute principalmente a patologie muscolo-scheletriche (traumatologiche, ortopediche, reumatologico-degenerative) o neurologiche invalidanti. Queste limitazioni possono comportare difficoltà nello svolgimento delle attività della vita quotidiana, alterando l’autonomia e il movimento nel proprio ambiente. Scopo dell’intervento riabilitativo è migliorare la funzione sensitivo/motoria degli arti, superiori e inferiori, incrementare l’attività di partecipazione del paziente e ottenere una maggiore mobilità articolare. Dopo un’attenta valutazione iniziale, l’operatore predisporrà un progetto riabilitativo individuale, che preveda l’utilizzo di Kinesiterapia assistita o facilitata. La terapia ha l’obiettivo di migliorare le capacità motorie e minimizzare i fattori di rischio di ricaduta, agendo inoltre sull’aspetto psico-emotivo.


Miofibrolisi


miofibrolisi La fibrolisi diacutanea è un metodo fisioterapico che si pone non solo come mezzo terapeutico, ma offre anche possibilità diagnostiche di notevole valore, consentendo di rilevare direttamente la causa dell’affezione dolorosa da trattare. Questa tecnica, attraverso una palpazione profonda strumentale, permette di localizzare la presenza di formazioni fibrositiche nei tessuti molli. Clinicamente la fibrosite si manifesta con dolori segmentari più o meno continui di varia intensità ed a carattere trafittivo. Le manifestazioni dolorose sono più accentuate se i noduli fibrositici sono situati in vicinanza di strutture riccamente innervate o frequentemente sollecitate (tendini e articolazioni). Le altre formazioni patologiche per le quali trova indicazione la fibrolisi diacutanea sono le aderenze post-traumatiche e post-infiammatorie, che possono causare sintomatologia dolorosa e limitazioni funzionali.


 
riabilitiamo
Tel. 389 8391951 | Via S. Caterina 11, Pasian di Prato (UD)